Autostrade, ferrovie e aeroporti: così il Veneto si stacca da Roma

11 Febbraio 2019

L’equazione è semplice. Più funzioni e più beni strumentali saranno trasferiti verso Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, maggiore sarà il gettito Irpef che potrà rimanere nei ricchi territori del Nord. E minori saranno le risorse e le competenze che rimarranno a Roma i cui ministeri, come spiegano le bozze, dovranno essere «ridimensionati» per tener conto delle funzioni ridotte che dovranno svolgere. Una delle partite cruciali si sta giocando sulle infrastrutture. Veneto e Lombardia,  chiedono tutte le competenze in ordine «alla determinazione della quota regionale dei fondi nazionali finalizzati allo sviluppo infrastrutturale del Paese». Miliardi di euro su cui le due Regioni vogliono avere l’ultima parola. Ma non è solo questo. Nella bozza di intesa con il governo, Lombardia e Veneto hanno stilato una lunghissima lista di strade, autostrade, ferrovie, porti e aeroporti, sui quali vogliono pieni poteri. 

IL DEMANIO LOCALE
La Regione guidata da Attilio Fontana, per esempio, ha chiesto che vengano acquisite al suo demanio «le tratte autostradali comprese nella rete nazionale», comprese quelle previste «in convenzioni di concessione nazionali vigenti, già realizzate o in fase di realizzazione». Passerebbe sotto la piena gestione della Lombardia, per esempio, un tratto di 55 chilometri dell’Autostrada del Sole, la A1. E poi, 93 chilometri della tratta Milano-Brescia della A4, 27 chilometri della Torino-Milano, 36 chilometri della Brescia-Padova. I 53 chilometri della A7 Milano-Serravalle, 32 chilometri della Lainate-Chiasso (A9).

I 45 chilometri della A8 Milano-Varese, il tratto della A22 Verona-Modena, la Tangenziale Est di Milano, e così via. Su tutte queste autostrade la Regione avrebbe competenza legislativa e amministrativa, affiderebbe e controllerebbe le concessioni, verificherebbe i piani finanziari, definirebbe le tariffe massime e, inoltre, ne incasserebbe i canoni. Tutti compiti oggi svolti dal ministero delle Infrastrutture. E lo stesso varrebbe per parte della rete stradale che oggi fa capo all’Anas. 

L’ELENCO DELLE ATTIVITÀ
Anche per le Ferrovie l’elenco è lunghissimo. La Lombardia vorrebbe subentrare allo Stato nella funzione di «concedente» su 25 tratte ferroviarie. Si va dalla Lecco-Bergamo, alla Pavia-Mortara, dalla Bergamo-Brescia alla Treviglio-Cremona. La Regione avrebbe la competenza amministrativa e le funzioni di programmazione sulle ferrovie. Al ministero delle Infrastrutture rimarrebbe dunque ben poco da fare. Anche negli aeroporti, da Malpensa a Linate fino a Orio al Serio, la Lombardia vorrebbe subentrare allo Stato nella qualità di concedente. 

UN VULNUS PER L’INTESA
Un discorso analogo vale per il Veneto. Sono 18 in questo caso, le tratte ferroviarie nelle quali la regione guidata da Luca Zaia, vorrebbe subentrare allo Stato: dalla Rovigo-Chioggia alla Vicenza-Treviso. Così come nella bozza di intesa, il Veneto ha fatto mettere nero su bianco la richiesta di trasferire al demanio della Regione, da quello dello Stato, «gli aeroporti nazionali insistenti nel territorio veneto e la relativa competenza legislativa e amministrativa». Anche i Fondi del trasporto pubblico locale non saranno più centralizzati ma, in base alle richieste di Veneto e Lombardia, dovranno essere recuperati a valere, ancora una volta, sui decimi di Irpef raccolta sul territorio. In verità su tutte queste materie la resistenza dei ministeri non è stata ancora superata.

LE STRUTTURE BUROCRATICHE 
Nelle bozze i capitoli sulle infrastrutture sono quelli indicati tra le richieste delle Regioni non accolte dai ministeri (e che quindi andranno trattate a livello politico) o non ancora definite. Non a caso ieri il presidente Zaia in un’intervista si è lamentato della resistenza che le strutture “burocratiche” romane starebbero facendo. Nel mirino c’è soprattutto il ministero dell’Economia. Nemmeno uno degli appunti fino ad oggi sollevato dagli uomini di Giovanni Tria è stato accolto. Un vulnus per l’intesa se il consiglio dei ministri dovesse approvarla senza il “bollino” del Tesoro.

Gazzettino – 11/02/2019

© Riproduzione riservata

Ciclovie ‘del Garda’ e ‘del Sole’. Incontro dell’assessore De Berti e dei progettisti con i rappresentanti degli enti locali per definire i tracciati

8 Febbraio 2019

“La Regione vuole mettere in connessione tra loro le grandi ciclovie di interesse nazionale che si snodano nel territorio veneto e queste ultime con i percorsi regionali e interregionali ai quali stiamo lavorando,  per formare uno dei sistemi infrastrutturali di mobilità leggera tra i più ampi e attrezzati del nostro Paese”.

Questo l’obiettivo indicato dall’assessore ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti, nel corso di una serie di incontri tenutisi oggi con gli amministratori dei Comuni interessati dai tracciati della ‘Ciclovia del Garda’ e della ‘Ciclovia del Sole’.

“Sono stati confronti molto proficui – sottolinea l’assessore –, che ci hanno consentito di valutare con i rappresentanti del territorio le soluzioni migliori in vista della definizione precisa dei percorsi. Gli esperti incaricati della redazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica, presenti oggi, faranno tesoro delle indicazioni avute dagli amministratori locali per far sì che il progetto sia il più condiviso possibile e che queste infrastrutture favoriscano anche il miglioramento e la messa in sicurezza della mobilità locale”.

La Ciclovia del Sole, che collega Verona a Firenze, attraversa quattro regioni: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana. Il nostro territorio regionale è interessato dai tratti Verona-Salionze (circa 22 km) e Peschiera-Valeggio sul Mincio (circa 15 km). Il percorso di questa ciclovia si sviluppa lungo l’Eurovelo 7, uno degli assi ciclabili individuati a livello europeo che attraversa la nostra Penisola da Nord a Sud. Il finanziamento per la sua realizzazione ammonta a circa 70 milioni di euro, di cui circa 6 milioni saranno spesi per i tracciati nel territorio veneto.

Per la Ciclovia del Garda, invece, è previsto il completamento dei percorsi ciclabili e ciclopedonali esistenti sulle sponde del lago, definendo un percorso unitario, unico in Europa e collegato alla stessa Ciclovia del Sole. Si sviluppa secondo un itinerario ad anello di 140 km in territorio veneto, lombardo e trentino, interessando 19 Comuni rivieraschi, di cui 8 veronesi: Malcesine, Brenzone sul Garda, Torri del Benaco, Garda, Bardolino, Lazise, Castelnuovo del Garda e Peschiera del Garda. L’opera dispone di un finanziamento di 194 milioni di euro, di cui circa 55 milioni per la parte veneta.

“Contiamo nei prossimi mesi di presentare al Ministero dei Trasporti i progetti delle due ciclovie – ha concluso De Berti – la cui realizzazione assicurerà  notevoli benefici su molti fronti, da quello della mobilità a quello turistico, e sarà frutto di un impegno corale di enti, istituzioni e associazioni. Nella progettazione punteremo, come sempre, allo sviluppo dell’intermodalità, che in questo caso potrà riguardare la bicicletta, il treno, il bus e anche i mezzi di navigazione: insomma, due  opere infrastrutturali di grande suggestione e richiamo internazionale, che avranno una preziosa ricaduta economica nel nostro territorio”.

Regione del Veneto/Comunicato stampa n. 214 del 08/02/2019

© Riproduzione riservata

Padova, il Comune investe sui veicoli a guida autonoma

Palazzo Moroni sosterrà la startup cittadina Next Future Transportation. Il supporto si concretizzerà nell’acquisto di due veicoli elettrici e a guida autonoma prodotti appunto da Next e nella messa a disposizione del parcheggio della Kioene Arena

di Davide D’Attino

Il futuro è adesso. Il Comune di Padova, su proposta del vicesindaco con delega alla Mobilità, Arturo Lorenzoni, e del consigliere delegato all’Innovazione, Enrico Fiorentin, ha deciso di investire 250 mila euro per sostenere la startup cittadina Next Future Transportation, fondata da Tommaso Gecchelin in collaborazione con Paradigma Exponential Hub, l’incubatore tecnologico che fa capo ad Antonio Guadagnino e che ha sede sempre all’ombra del Santo. Il supporto di Palazzo Moroni si concretizzerà nell’acquisto di due veicoli elettrici e a guida autonoma prodotti appunto da Next e nella messa a disposizione del parcheggio della Kioene Arena in zona San Lazzaro per testare gli stessi due veicoli, che sono ancora in attesa dell’omologazione da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’esordio su strada

I mezzi di cui stiamo parlando, che esordiranno a ottobre del 2020 all’Expo di Dubai, possono ospitare dieci persone ciascuno e muoversi da soli oppure uno attaccato all’altro. Il tutto, in un futuro che potrebbe essere molto più vicino di quanto sembri, regolato da un algoritmo. «Vogliamo essere a fianco di Next, investendo nell’innovazione e nella mobilità sostenibile – dice il vicesindaco Lorenzoni – Quelli che acquisteremo, sono dei veicoli geniali che, se e quando verranno omologati, potrebbero essere utilizzati come mezzi complementari alla nuova linea di tram che costruiremo dalla Stazione a Voltabarozzo».

Corriere del Veneto – 08/02/2019

©  Riproduzione riservata

Porti: Trieste investe su 22 progetti Ue, budget da 130 mln

Finanziamento Ue da 32 mln

Sono 22 in totale i progetti europei portati avanti dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, con un budget complessivo di 130 milioni di euro e un finanziamento europeo di più di 32 milioni.

Diversi, informa una nota, i settori di azione. Tra i più importanti quelli infrastrutturali, con finanziamenti per la Piattaforma Logistica, i cui lavori si concluderanno entro l’anno, e lo scalo ferroviario di Campo Marzio. Non mancano poi progetti su tematiche ambientali: un innovativo sistema legato al procurement pre-commerciale per la bonifica di aree inquinate, la progettazione dell’elettrificazione delle banchine per rendere ancora più pulito il traffico marittimo, e lo sviluppo e adozione delle nuove tecnologie per ottimizzare l’uso delle infrastrutture esistenti e aumentare così la capacità portuale. In cantiere anche progetti legati al settore culturale e alla valorizzazione del patrimonio storico dello scalo, in occasione della ricorrenza dei 300 anni di fondazione del Porto Franco. L’ultimo avviato, ricorda la nota, è Promares “Promoting maritime and multimodal freight transport in the Adriatic Sea”.

Con un budget di 2,8 milioni euro, Promares è co-finanziato dal Programma Interreg Italia-Croazia e vede l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale capofila. Tramite questo progetto, i porti italiani dell’Adriatico collaboreranno con i principali porti croati per 30 mesi. Obiettivo sarà potenziare l’intermodalità attraverso l’adozione di tecnologie innovative, sviluppando una strategia transfrontaliera comune e scambiando buone pratiche con la realizzazione di concrete azioni pilota in ogni porto. “È sulle risorse umane che si giocano lo sviluppo e la competitività del porto”, ha commentato il presidente dell’Autorità di Sistema, Zeno D’Agostino. “Da due anni abbiamo creato un Ufficio interno dedicato all’ideazione e gestione di progetti finanziati dall’Unione Europea che sta portando ottimi risultati. Si tratta di idee progettuali divenute realtà dal 2015 ad oggi e ora tutte avviate”.

Ansa/Mare – 08/02/2019

© Riproduzione riservata

Camion: il traffico dei veicoli pesanti aumenta del 4,6%

Il traffico dei veicoli pesanti in autostrada ad ottobre 2018 è cresciuto del 4,6% rispetto allo stesso mese del 2017. Considerando i primi dieci mesi del 2018 l’aumento è stato del 2,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo rivelano i dati elaborati da Aiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) e sono resi noti dal Centro Ricerche Continental Autocarro.

Dati in controtendenza rispetto all’andamento del traffico di veicoli leggeri in autostrada. Ad ottobre scorso, infatti, è diminuito del 3,7% rispetto allo stesso mese del 2017, mentre considerando i dati dei primi dieci mesi il calo è stato dello 0,4%.

Trasporti-Italia.com – 08/02/2019

© Riproduzione riservata

Trasporto pubblico, Euro 0: le Regioni chiedono differimento di un anno per lo stop alla circolazione

Una diffusa presenza di mezzi Euro 0 sulle strade italiane. Con questa motivazione le Regioni hanno chiesto di differire il termine fissato al 1° gennaio 2019 che impone lo stop alla circolazione per pullman e autobus pubblici alimentati a benzina o gasolio Euro 0 su tutto il territorio nazionale.

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato un ordine del giorno sul trasporto pubblico locale che parte dalla constatazione che nel parco “mezzi pubblici” presenti nel nostro Paese si riscontra ancora una diffusa presenza di veicoli di categoria Euro 0 in circolazione, con una media del 3% del parco rotabile, pari a 2.515 veicoli. Per questo motivo chiede di differire di 12 mesi il termine fissato dal comma 232 della Legge n. 190 del 2014 al 1 gennaio 2019 al fine di scongiurare interruzioni del pubblico servizio, vincolando però le Regioni stesse a procedere, con i propri piani di investimento, nel periodo di proroga alla sostituzione prioritaria dei mezzi Euro 0 in servizio di Trasporto Pubblico Locale sui propri territori.

“Considerato che il periodo intercorso dall’emanazione della norma all’entrata in vigore del divieto è stato caratterizzato da difficoltà di natura diversa che non hanno portato al rinnovo del parco nella misura auspicata- si legge nel documento – e tenuto conto che tra le difficoltà in questione vi sono quelle relative alle procedure di attuazione delle misure di finanziamento attivate dallo Stato a partire dal 2015 e, in particolare, quelle stabilite dagli ultimi provvedimenti di riparto, tra cui il forte ritardo nell’avvio della procedura di acquisizione centralizzata Consip S.p.A. e vicissitudini societarie del costruttore Industria Italiana Autobus, aggiudicatario di alcuni lotti della gara effettuata da tale centrale di committenza. (…) Le regioni e le province autonome chiedono pertanto al governo l’adozione di un provvedimento che differisca di 12 mesi il termine fissato dal comma 232 della Legge n. 190 del 2014 al 1 gennaio 2019 al fine di scongiurare interruzioni del pubblico servizio, vincolando le Regioni e le Province autonome a procedere, con i propri piani di investimento, nel periodo di proroga alla sostituzione prioritaria dei mezzi EURO 0 in servizio di TPL sui propri territori”.

Trasporti-Italia.com – 08/02/2019

© Riproduzione riservata

Tav, il primo elenco degli espropri. Si parte da Peschiera

7 Febbraio 2019

Coinvolte aziende e decine di privati cittadini. La società autostradale Brescia-Padova dovrà cedere in tutto 67 mila metri quadrati.

di Katia Ferraro

Dalle carte del progetto redatto dal consorzio Cepav Due della tratta BresciaVerona emergono gli elenchi di enti e cittadini che dovranno essere espropriati oppure cedere parti di aree per occupazioni temporanee del cantiere ferroviario. Saranno espropriati terreni di proprietà dell’Autostrada Brescia-Padova spa (A4), a sud della quale è previsto corra la ferrovia ad alta velocità, terreni di aziende agricole, di stabilimenti, di privati. Interessati anche terreni di ordini religiosi. Oggi pubblichiamo la prima di quattro puntate, nei prossimi giorni la seconda. Il sindaco Federico Sboarina ha presentato il bilancio di previsione: non aumentano le tasse, 27 milioni di investimenti per le opere Coinvolte aziende e decine di privati cittadini. La società autostradale Brescia-Padova dovrà cedere in tutto 67mila metri quadrati Katia Ferraro Dalle carte del progetto redatto dal consorzio Cepav Due della tratta dell’Alta velocità tra Brescia e Verona, oltre alle foto satellitari con il dettaglio del tracciato (pubblicate sul nostro giornale lo scorso 24 gennaio) emergono gli elenchi di enti e cittadini che dovranno essere espropriati oppure cedere parti di aree per occupazioni temporanee. Li pubblichiamo così come riportati nel progetto definitivo e nella successiva integrazione.

In termini assoluti, a Peschiera del Garda gli espropri maggiori per la Tav BresciaVerona saranno sui terreni di proprietà dell’Autostrada Brescia-Padova spa (A4), a sud della quale è previsto corra la ferrovia ad alta velocità. Alla A4 verranno espropriati circa 67mila metri quadrati tra quelli destinati alla ferrovia (oltre 16mila), alle strade (33mila) e a opere di mitigazione ambientale (17.500 metri quadrati circa).

In termini relativi buona parte degli espropri in territorio sarà concentrata su aree di proprietà dell’azienda di trasporti Mesaroli Logistica, con sede a Trevenzuolo: l’azienda dovrà cedere oltre 16mila metri quadrati per la ferrovia, quasi 13mila per le strade e oltre 23mila per le mitigazioni ambientali.

Ci sono poi i terreni di un cittadino titolare di un’azienda agricola, che dovrà cedere oltre 9mila metri quadrati per la ferrovia, circa mille per le strade, più di 8mila per le mitigazioni ambientali e «prestarne» oltre 4mila per le occupazioni temporanee, definizione in cui rientrano le aree da adibire a cantieri logistici o comunque temporanei (circa 7.700 metri quadrati in tutto nel territorio di Peschiera).

Tra gli espropriandi anche l’azienda Franke spa che dovrà cedere circa 13mila metri quadrati; l’azienda Di Canossa Matilde srl (circa 23mila) e l’azienda vitivinicola Zenato srl (quasi 8mila).

Tra le aree da espropriare alcune sono di proprietà del Comune di Peschiera: 7mila metri quadrati, mille in più di quelli inseriti nel piano di esproprio del 2014. Per quanto riguarda l’area del santuario della Madonna del Frassino, una delle zone più delicate coinvolte nel passaggio della Tav, l’esproprio a carico della «Provincia Veneta di Sant’Antonio» (organizzazione territoriale dell’Ordine dei frati minori) è di 742 metri quadrati.

Interessati anche alcuni terreni che appartengono all’Istituto suore terziarie elisabettiane (3mila metri quadrati). Tra le definizioni delle aree da espropriare c’è anche la voce «demolizioni», che complessivamente nel territorio di Peschiera conta poco meno di 1.500 metri quadrati, spalmati tra più proprietà. Tra gli edifici che dovrebbero essere abbattuti c’è l’Hotel Olioso, vicino al santuario del Frassino, che si trova sulla traiettoria della galleria della Tav ma anche, fanno sapere dall’Ufficio tecnico di Peschiera, un’abitazione in località Broglie.

L’Arena – 07/02/2019

© Riproduzione riservata

 

Passante di Mestre: compie 10 anni l’opera che ha rivoluzionato la mobilità del Nordest

Nel 2018 registrati 25 milioni e 821 mila transiti di veicoli con una media di circa 71 mila al giorno, di cui più di 20 mila pesanti: una mole di traffico consistente

Il Passante di Mestre, l’opera che ha rivoluzionato la mobilità del Nordest, compie 10 anni. L’8 febbraio 2009 entrava infatti ufficialmente in esercizio il tratto autostradale lungo 32,3 chilometri, da Pianiga a Quarto d’Altino, che ha permesso di bypassare il vecchio tratto urbano della A4, poi ridenominata A57-Tangenziale di Mestre.

I dati

Nell’ultimo anno di esercizio, il 2018, il Passante di Mestre ha registrato 25.821.204 transiti di veicoli (18.380.564 leggeri, 7.440.640 pesanti), con una media di circa 71.000 veicoli al giorno, di cui più di 20.000 pesanti: si tratta di una mole di traffico consistente che, in assenza dell’opera, avrebbe gravato sul vecchio tratto urbano della A4 e quindi sul nodo di Mestre. Il dato naturalmente va inquadrato nel periodo storico attuale, che vede da qualche anno un aumento generalizzato del traffico, frutto anche della ripresa economica, tenendo presente che la congiuntura è iniziata più o meno contestualmente all’apertura dell’opera. Dal giorno dell’apertura al 31 dicembre scorso sono stati 220.196.815 i veicoli che hanno percorso il Passante nelle due carreggiate.

Storia e caratteristiche 

Il Passante di Mestre si sviluppa attraverso 9 tratti in trincea, 8 gallerie artificiali e 4 viadotti, attraversando due province (Venezia e Treviso) e 12 Comuni. È stato aperto al traffico l’8 febbraio 2009 e gestito fin dal primo giorno da Cav-Concessioni Autostradali Venete, costituita per legge circa un anno prima, il primo marzo 2008, da Anas e Regione Veneto. Pochi giorni dopo l’entrata in esercizio, il 18 febbraio 2009, è diventato operativo il casello di Preganziol, il 14 luglio dello stesso anno ha aperto quello di Spinea, mentre quello di Martellago-Scorzè è stato aperto al traffico il primo aprile 2015. Alle tre stazioni intermedie si aggiungono le due interconnessioni alle estremità con la A57-Tangenziale di Mestre e quella, aperta il 24 maggio 2009, con la A27.

Traffico

Significativo, in questo decennio, è il beneficio apportato dalla nuova infrastruttura al territorio anche in termini di drenaggio del traffico dalla viabilità ordinaria. A tale riguardo si fa presente che i movimenti di stazione attorno ai tre caselli aperti lungo il tracciato risultano più che raddoppiati dal 2009 al 2018. Lo scorso anno i movimenti di traffico totali attorno alle stazioni di Preganziol, Martellago-Scorzè e Spinea hanno segnato l’apice con 7.624.940 veicoli in entrata e uscita, contro i 5.697.447 registrati nel 2015, primo anno di contestuale apertura di tutti e tre i caselli. Finora, lungo il Passante, sono stati realizzati circa 128 ettari di aree verdi, con la messa a dimora di 15 mila arbusti e 34 mila alberature. L’obiettivo ora è coinvolgere i territori e i proprietari dei terreni per renderli partecipi della fase 2 del progetto: «Con l’obiettivo – dice la presidente di Cav Luisa Serato – di dimostrare che le opere volute e condivise si possono trasformare in benefici, non solo economici, per l’intera collettività».

Venezia Today – 07/02/2019

© Riproduzione riservata

Iata: in decisa crescita anche nel 2018 il traffico passeggeri mondiale

Anche nel 2018 il trasporto aereo si è dimostrato un settore in salute. Secondo i dati appena resi noti dalla Iata, l’associazione internazionale del trasporto aereo, nell’anno appena concluso la domanda passeggeri misurata in RK (revenue passenger kilometers) è cresciuta del 6,5% rispetto all’anno precedente. E’ vero che si tratta di un dato in diminuzione rispetto all’incremento dell’8% registrato nel 2017 ma è comunque un risultato più che positivo. La capacità nell’anno è aumentata del 6,1% di conseguenza il load factor è cresciuto di 0,3 punti percentuali, arrivando a quota 81,9%.
“Il 2018 è stato un altro anno di forte crescita della domanda passeggeri – ha sottolineato Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo della Iata -. Ci aspettiamo una performance simile anche per l’anno in corso. Tuttavia, il rallentamento della domanda nella seconda parte del 2018 e le preoccupazioni per quanto riguarda la Brexit e le tensioni tra Usa e Cina stanno creando qualche incertezza rispetto a questa visione positiva”.
Per quanto riguarda il traffico internazionale, nel 2018 è salito del 6,3%, in calo rispetto al +8,6% dell’anno prima. Tutte le regioni hanno riportato risultati in crescita, a partire dall’Asia Pacifico che ha registrato un incremento del 7,3%. Bene anche le compagnie aeree europee che hanno segnato un aumento del 6,8%, anche se inferiore rispetto al +9,4% ottenuto nel 2017. I vettori del Medio Oriente hanno invece ottenuto un +4,2% e quelli del Nord America un +5%, in crescita rispetto al +4,7% riportato nel 2017. Ottimi risultati anche per le compagnie dell’America Latina (+6,9%) e per quelle africane (+6,5%).

Trasporti-Italia.com – 07/02/2019

© Riproduzione riservata

Infrastrutture: Pizzimenti, ponte Chiopris aperto entro fine estate

6 Febbraio 2019

Sopralluogo dell’assessore al cantiere del ponte sul Torre.

“Un’opera importante e imponente sia dal punto di vista strutturale che finanziario.”

Così l’assessore regionale a Infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti, ha definito il ponte sul fiume Torre, in costruzione lungo la provinciale 50 tra l’abitato di Chiopris – Viscone e lo snodo di San Vito al Torre.

L’assessore ha effettuato stamattina un sopralluogo al cantiere che costituisce il primo lotto stralcio del collegamento veloce Palmanova – Manzano e prevede, oltre al rifacimento del ponte con l’abbattimento di quello attualmente in uso, la riqualificazione viaria della provinciale “Palmarina” per un tratto di circa due chilometri, con la realizzazione di una controstrada a servizio della zona industriale di Nogaredo al Torre, tre nuove rotatorie di raccordo con la viabilità esistente e una ciclopedonale lungo tutto l’intervento. Un investimento dall’ammontare complessivo di 32 milioni di euro.

“Lo stato di avanzamento lavori è ottimo, per cui è plausibile che il ponte sia aperto entro la fine dell’estate e si possa poi proseguire con gli altri interventi di riqualificazione della viabilità provinciale esistente, strettamente connessa con la nuova viabilità autostradale ed in particolare con i lavori della terza corsia e del nuovo casello di Palmanova sulla A4” ha constatato Pizzimenti.

Il raffronto a poca distanza di metri l’uno dall’altro tra il vecchio ponte, che negli ultimi anni era stato oggetto di chiusure temporanee per manutenzione straordinaria, ed il nuovo ha messo in evidenza l’evoluzione ingegneristica intercorsa in quasi 60 anni.

Più alto di alcuni metri, per garantire maggiore sicurezza in risposta alle piene del Torre, il nuovo manufatto poggia su 14 pile e due spalle, è lungo 665 metri ed è costituito da una struttura reticolare metallica che contribuisce ad esaltarne trasparenza e leggerezza. L’ampiezza totale dell’impalcato è di 15,8 metri e comprende, oltre alla carreggiata stradale di 10 metri e mezzo, un marciapiede sul lato Nord e una pista ciclabile su quello a Sud.

Proprio la presenza dei percorsi ciclo-pedonali è l’elemento di sicurezza che costituisce il valore aggiunto dell’opera rispetto al vecchio ponte, secondo la visione espressa dai due sindaci dei comuni interessati. La nuova viabilità infatti, collegherà il percorso alla ciclovia regionale Alpe – Adria verso Palmanova e aprirà un collegamento diretto con la rete ciclabile del cividalese verso Manzano.

Per Gabriele Zanin, sindaco di San Vito al Torre “l’opera migliora notevolmente l’aspetto della sicurezza, soprattutto per la zona industriale di Nogaredo che ora avrà una viabilità adeguata al volume di traffico dell’area. L’eliminazione di un semaforo, inoltre, dovrebbe ridurre gli incidenti che qui erano piuttosto frequenti”.

Dello stesso avviso il sindaco di Chiopris – Viscone, Raffaella Perusin, secondo la quale “l’opera risponde alla precisa richiesta dei territori di mettere in collegamento i vari comuni con un sistema viario sicuro sia per i mezzi pesanti che per i pedoni e i ciclisti. Ci auguriamo che anche le opere connesse possano proseguire in tempi brevi”.

Il cantiere ha comportato 52 espropri, senza alcun contenzioso, una bonifica bellica ed interventi di disboscamento su 50 mila metri quadrati di aree, oltre alla risoluzione di decine di interferenze con infrastrutture energetiche, idrauliche, telefoniche. Anche per questo, il nuovo ponte accoglie nella parte inferiore, l’attraversamento del nuovo acquedotto Cafc, le fibre ottiche e le linee telefoniche ed elettriche.

Al sopralluogo hanno preso parte, oltre ai tecnici dell’impresa esecutrice (Icop Spa di Basiliano), anche il personale del Commissario per l’emergenza della mobilità sull’A4 e della concessionaria Autovie Venete, braccio operativo del Commissario delegato.

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia/Notizia dalla Giunta – 06/02/2019

© Riproduzione riservata